Eccellenza B : un grande Città di S.Agata supera per 6 a 0 l’ Avola

avola-s.agata_-300x225

Un gran bel S.Agata sul neutro di Noto archivia al meglio il primo test del 2018 e adesso può guardare alle prossime due gare di campionato Scordia e Biancavilla, con rinnovato ottimismo. Prima però c’è un’altra importante gara, il ritorno della semifinale di Coppa Italia al Falcone- Borsellino di Paternò, dove si riparte dal 2-1 che i biancoazzurri hanno ottenuto al Micale. Di questo però ne parleremo nei prossimi giorni, oggi doveroso soffermarsi sulla prestazione che i ragazzi di mister Bellinvia, hanno sfoderato contro l’Avola. Una partita che ha visto Bontempo e compagni padroni dall’inizio alla fine come testimonia lo 0-6 finale. L’impegno agevole solo sulla carta, vista la precaria posizione in classifica degli aretusei, ha messo in vetrina un S.Agata che ha sciorinato belle trame di gioco, ed ha mostrato una condizione fisica invidiabile, frutto del lavoro svolto durante la pausa, fermo restando che il top dovrebbe essere raggiunto tra qualche settimana, quando tutti i carichi di lavoro svolti verranno smaltiti. Il S.Agata comincia subito molto forte, con il piede pigiato sull’accelleratore e al 19′ dopo un paio di buone azione non andate a buon fine, sblocca la contesa grazie ad un calcio di rigore trasformato da Totò Mincica. Chi si aspetta la reazione della compagine di casa, rimane deluso anche perchè i biancoazzurri occupano bene tutti gli spazi del campo, chiudono ogni varco e al 29′ raddoppiano con il “funambolico” Isgrò vera e propria spina nel fianco, come Mincica del resto, per la locale retroguardia. Trovato il raddoppio il S.Agata non è ancora sazio e continua ad attaccare, e manca il tris in almeno un paio di circostanze. Tris che comunque è rinviato ad inizio ripresa, quando al 55′ l’ottimo Fabrizio Bontempo, mette il proprio sigillo all’ennesima prestazione da incorniciare. A questo punto nonostante al termine manchi ancora un discreto numero di minuti il match è virtualmente chiuso, ma mister Bellinvia continua a sollecitare i suoi ragazzi dalla panchina, non vuole assolutamente cali di tensione. Il S.Agata continua a giocare bene a divertirsi e divertire i presenti di fede biancoazzurra e con Mincica cala il poker. Successivamente arriva anche la rete di Federico Matera e nel finale c’è gloria per lo juniores Pino. Archiviato questo primo impegno come dicevamo in apertura, tutta l’attenzione si sposta sulla gara di Paternò, che vale il pass per la finale di Coppa Italia, traguardo mai raggiunto dai santagatesi.

Angelo Giallombardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*