Basket serie A2 Girone Ovest : I risultati e la classifica dopo la 16^ Giornata .Tra le siciliane sorride solo Trapani

clubert

SERIE A2 OLD WILD WEST GIRONE OVEST 16^ giornata
Eurobasket Roma-Bergamo 85-74
Novipiù Casale Monferrato-GeVi Napoli 77-62
Benacquista Assicurazioni Latina-Edilnol Biella 72-67
Orlandina Basket Capo d’Orlando-2B Control Trapani 47-77
Givova Scafati-MRinnovabili Agrigento 90-73
BCC Treviglio-Reale Mutua Torino 68-80
Bertram Tortona-Zeus Energy Group Rieti 84-75

Classifica:
Novipiù Casale Monferrato 22, Edilnol Biella 22, MRinnovabili Agrigento 20, Reale Mutua Torino 20, Bertram Tortona 18, BCC Treviglio 18, Zeus Energy Group Rieti 16, Givova Scafati 16, 2B Control Trapani 16, Benacquista Assicurazioni Latina 16, GeVi Napoli 14, Eurobasket Roma 10, Orlandina Basket Capo d’Orlando 10, Bergamo 6

Prossimo turno (17^ giornata, quarta di ritorno):
10/01/2020 20:30 GeVi Napoli-Givova Scafati (diretta su Sportitalia)
11/01/2020 18:00 Bergamo-Benacquista Assicurazioni Latina
12/01/2020 17:00 Zeus Energy Group Rieti-Orlandina Basket Capo d’Orlando
12/01/2020 18:00 Edilnol Biella-Novipiù Casale Monferrato
12/01/2020 18:00 2B Control Trapani-Eurobasket Roma
12/01/2020 18:00 Reale Mutua Torino-Bertram Tortona

12/01/2020 18:00 MRinnovabili Agrigento-BCC Treviglio
Tutte le gare in diretta streaming su LNP PASS

 

Orlandina Basket vs 2B Control Trapani 47-77

 

Parziali: (11-16; 18-23; 3-16; 15-22).

 

Orlandina Basket: Johnson 17 (6/14), Lagana 9 (2/6, 0/4), Lucarelli 7 (3/5, 0/2), Kinsey 6 (3/12, 0/3), Mobio 5 (1/5, 0/1), Querci 3 (1/2 da tre), Neri, Donda, Galipó, Ani ne, Bellan ne, Triassi ne.

Allenatore: Marco Sodini.

Assistente: David Sussi.

 

2B Control Trapani: Corbett 22 (5/7, 4/9), Renzi 16 (3/6, 2/5), Palermo 9 (1/2, 2/6), Spizzichini 8 (1/3, 2/6), Mollura 7 (2/2, 1/2), Nwohuocha 4 (1/1), Pianegonda 4 (2/3), Marko Dosen 4 (1/2), Ceparano 2 (1/1, 0/1), Bonacini 1 (0/2 da tre).

Allenatore: Daniele Parente.

Assistente: Fabrizio Canella.

 

Arbitri: Boscolo, Maffei, Patti.

 

CAPO D’ORLANDO. Netta vittoria esterna per la 2B Control Trapani che vince il derby siciliano con l’Orlandina Basket per 47-77. Una gara mai in discussione e vinta con merito dai granata. Eccezionale l’approccio degli uomini di coach Daniele Parente dopo l’intervallo lungo: Trapani si trovava avanti di dieci lunghezze e nel terzo quarto, con un parziale di 16-3, ha ampliato il proprio scarto fino ad arrivare a 23 punti di vantaggio. Una vittoria del collettivo con tutti i dieci giocatori della Pallacanestro Trapani a segno.

 

1° QUARTO: Coach Parente schiera il quintetto formato da Spizzichini, Palermo, Corbett, Mollura e Renzi. Sodini risponde con Laganà, Kinsey, Lucarelli, Mobio e Johnson. Il primo canestro è di Spizzichini che dopo aver recuperato il pallone ha appoggiato i due punti al vetro. Capo d’Orlando risponde con un gioco da tre punti di Mobio, ma in un nuovo contropiede Trapani rimette il naso avanti grazie al canestro di Corbett. Johnson realizza da sottocanestro, Corbett mette a segno 7 punti consecutivamente e coach Sodini è costretto al time-out (6’ 5-11). Alla riprese dell’incontro si iscrive a referto Renzi, ma i biancoblu non demordono con Johnson. Alla tripla di Corbett rispondono ancora Johnson e Laganà. Il primo quarto termina sul punteggio di 11-16.

 

2° QUARTO: Il gioco riprende con il canestro da sotto di Johnson. Nwohuocha e Ceparano realizzano i loro primi punti personali e poi viene sanzionato un fallo antisportivo a Johnson. Bonacini fa uno su due dalla lunetta, Lucarelli realizza dalla media distanza con l’aiuto del tabellone e poi Dosen grazie ad un back-door porta i granata sul più otto. Il giovane giocatore granata poi fa due su tre al tiro libero. Querci dall’angolo scaglia una bomba, a cui Palermo risponde dalla stessa distanza. Laganà realizza quattro punti consecutivamente, mentre Mollura scaglia la bomba del 22-31 (16’). Al canestro di Johnson rispondono Renzi con una tripla e Mollura da sottocanestro. Dopo il time-out di coach Sodini (17’ 24-36), Johnson realizza da sotto. Nel finale della frazione di gioco, Corbett scaglia una tripla, mentre Palermo fa uno su due al tiro libero. Il quarto poi termina con un gioco da tre punti di Lucarelli. Al 20’ il punteggio è 29-39.

 

3° QUARTO: Dopo l’intervallo lungo, Johnson fa uno su due al tiro libero. Palermo dall’angolo mette a segno due punti, mentre Renzi da tre punti è preciso. Le squadre hanno difficoltà a segnare e coach Sodini chiama a sé i propri atleti (16’ 30-44). Alla ripresa, Corbett realizza un canestro dalla grande difficoltà e poi Renzi con i tiri liberi porta Trapani sul più diciotto. Il parziale granata si dilata grazie alla tripla di Spizzichini e Sodini è costretto nuovamente al time-out (18’ 30-51). Il quarto termina con i canestri di Lucarelli, Corbett e Renzi. Al 30’ il tabellone recita 32-55.

 

4° QUARTO: La frazione di gioco inizia con un canestro dall’area di Renzi. Trapani continua a bersagliare con la tripla di Spizzichini, mentre i tiri liberi di Nwohuocha portano il vantaggio granata sul più trenta, con sei minuti ancora da giocare. I ritmi si abbassano e Trapani riesce a vincere agevolmente. Finale 47-77.

 

DICHIARAZIONI

 

Daniele Parente (coach 2B Control Trapani): «Sono davvero soddisfatto della partita dei miei ragazzi. Abbiamo rispettato il piano partita e siamo riusciti a mantenere alto il livello di concentrazione. Dopo che il divario si è dilatato è diventato tutto più semplice. Dobbiamo continuare a lavorare così».

 

Marco Sodini (coach Orlandina Basket): «Vergogna. Oggi è questa l’unica cosa che posso dire. Io mi vergogno, ed ognuno dei giocatori deve fare lo stesso, non si può approcciare una sfida così».

 

Givova Scafati – MRinnovabili Agrigento 90-73 (26-18, 24-18, 24-19, 16-18)

Givova Scafati: Deshawn Stephens 22 (11/13, 0/0), Riccardo Rossato 15 (2/4, 3/5), J.j. Frazier 14 (3/11, 2/8), Marco Portannese 14 (3/6, 1/3), Ion Lupusor 8 (2/4, 1/2), Nicholas Crow 8 (1/3, 1/2), Marco Ammannato 5 (1/1, 1/1), Abdel pierre Fall 4 (2/2, 0/0), Claudio Tommasini 0 (0/0, 0/1), Nikola Markovic 0 (0/0, 0/0), Luigi Spera 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 13 / 17 – Rimbalzi: 33 9 + 24 (Riccardo Rossato 6) – Assist: 24 (J.j. Frazier 14)

MRinnovabili Agrigento: Tony Easley 21 (9/14, 0/0), Simone Pepe 19 (3/4, 3/13), Giovanni De nicolao 13 (4/12, 1/2), Lorenzo Ambrosin 11 (2/3, 2/6), Samuele Moretti 4 (1/3, 0/0), Albano Chiarastella 3 (0/1, 1/2), Paolo Rotondo 2 (1/2, 0/0), Christian James 0 (0/6, 0/4), Giovanni Veronesi 0 (0/0, 0/2), Gianni Morreale 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 12 / 15 – Rimbalzi: 38 17 + 21 (Giovanni De nicolao 10) – Assist: 17 (Albano Chiarastella 5)

Non la migliore Fortitudo Agrigento quella vista, questa sera, al PalaMangano. I biancazzurri, orfani di Giuseppe Cuffaro (out per influenza ndr), hanno incassato la prima sconfitta del 2020. E’ Scafati a fare meglio di Agrigento ed ha portare via i due punti. I padroni di casa si sono imposti con il punteggio di 90 a 73.

In partita, il primo quarto è di grande intensità. I padroni di casa fanno valere fisico e centimetri. L’avvio, però, è di Agrigento che con De Nicolao e Chiarastella è subito canestro. Scafati non sta a guardare trovando spazio e punti con l’asse Frazier – Stephens.  Agrigento perde palla e Scafati prova ad imporre ritmo. Easley mette sul parquet del PalaMangano esperienza e fisico e tiene alta la sua Fortitudo Agrigento, sostenuto da Simone Pepe.  Il primo quarto, però, va ai padroni di casa.

Nel secondo periodo di gioco i biancazzurri si affidano ancora all’estro di Simone Pepe, Agrigento prova a recuperare ma Scafati risponde con Ammnnato.

Stephens prova a portare via ancora una volta i suoi, Agrigento trova punti dalle mani di Simone Pepe e Tony Easley, con De Nicolao pronto a disegnare geometrie buone. Scafati sale in cattedra e fissa il momentaneo massimo vantaggio.

Nel terzo quarto Rossato perde palla e sulla sua strada trova un attento Tony Easley pronto ad intercettare.  In cabina di regina De Nicolao stoppa il gioco di Scafati e fa ripartire i suoi, palla a Chiarastella e assist per Ambrosin: due punti per Agrigento. Scafati torna ai canestri pesanti e lo fa con Rossato, +15 per i padroni di casa.  Agrigento non sta a guardare e Lorenzo Ambrosin trova la tripla. I padroni di casa tornano a i punti, Frazier fissa il +20 per i suoi. A suonare la carica per la Fortitudo Agrigento ci pensa Simone Pepe, canestro. Non solo Pepe ma anche Ambrosin, canestro: parziale di 5 a 0 per Agrigento. Scafati dopo il mini black out torna ai punti: Frazier e Rossato portano via i suoi. La Fortitudo Agrigento non molla, Ambrosin trova una tripla provvidenziale: 67-50. Scafati, però, porta via anche il terzo quarto. I padroni di casa si impongono con il punteggio di 74 a 55.

I padroni di casa in difesa sbagliano poco e niente, coach Cagnardi regala l’esordio a Giovanni Veronesi, neo arrivato in casa Agrigento. Scafati torna ai punti e lo fa con Portannese. Penetrazione di De Nicolao e canestro: 81-63. Agrigento in contropiede produce punti buoni, portandosi sul meno 16 è Moretti a spezzare il ritmo dei padroni di casa.

Nonostante lo scarto importante, De Nicolao è l’ultimo a mollare. Suo il canestro allo scadere. Vince Scafati che riesce ad interrompere la striscia positiva di Agrigento.

Coach Cagnardi: “Sono molto amareggiato, non tanto per la sconfitta ma per come è venuta. Mi assumo le responsabilità dell’approccio che ha avuto la mia squadra in partita. Dando fiducia a Scafati, che è il secondo attacco del campionato, è chiaro che con poca energia e attenzione sono riusciti ad incanalare la partita nei binari che hanno voluto”.